Che cos’è?

Roarrrr!

Sono un feroce Brontosauro pronto a condividere con te un pezzo della mia vita da errabondo solitario.
Tempo fa abitavo la terra con i miei compagni erbivori, quando qualche disgraziato lanciò una pietra di non modeste dimensioni che piombò pesante sulla superficie innalzando un polverone assurdo! Molti ci rimasero secchi, qualcuno decise di intraprendere l’ardita strada dell’evoluzione, mentre altri semplicemente si rinchiusero nelle loro case a tentare di spolverare tutti i soprammobili che quel sasso aveva ricoperto di ben tre dita!
Io ebbi forse la fortuna di cadere nel congelatore dei miei nonni, che era parecchio grande per poter contenere tutto il mangiare di grandi esseri così! Quando mi risvegliai ero turbato, i mammiferi avevano letteralmente invaso la terra, che non aveva più quelle forme e distribuzioni che mi ricordavo: grandi zone di acqua intervallavano i continenti, alte punte innevate si innalzavano qui e là, profondi abissi sprofondavano fin dove non avrei mai pensato.

E’ difficile a volte capacitarsi di essere l’ultimo brontosauro rimanente, ma tuttavia ho avuto l’occasione di conoscere e familiarizzare con qualche essere umano che non mi ha disdegnato per l’aspetto bizzarro e goffo, ma ha costruito con me una profonda amicizia. Dedico a loro questo diario, che chiamerò Il Brofillosauro, di colore verde come la mia carnagione e la vegetazione in cui vivevo.
Spero sia di vostro gradimento, e vi prego di non mantenere il silenzio, ma anzi: commentate, valutate, correggete, discutete, proponete lavori e ragionamenti al brontosauro!

Il Brontosauro

Bro